Eremo di San Michele, Poggio Catino

Scritto da Jolly Lamberti il 26-12-2020 in Recensioni falesie
483cd68d 0bad 4791 8592 20c9003321d4

Con questo articolo gentilmente scritto per noi da Giuseppe Caggese proseguiamo con il nostro spazio dedicato agli utenti che desiderano condividere con la comunità di Climbook le falesie o le zone di arrampicata da loro più amate. È possibile inviare le proposte di articoli, eventualmente corredati da foto, all’indirizzo [email protected]

di Giuseppe Caggese

Per chi abita o frequenta la zona reatina, segnaliamo una piccola ma molto suggestiva falesia laziale, adatta per l’arrampicatore di medio livello specialmente durante le mezze stagioni: la falesia dell’Eremo di San Michele in Sabina.

Attrezzata inizialmente da Alfredo Smargiassi, è stata di recente riscoperta e riattrezzata da Gianni de Marchi e amici. La falesia dell’Eremo di San Michele, da non confondersi con l’omonima piccola parete situata sul monte Scalambra, si trova nei boschi vicino a Poggio Catino, a circa 800m di quota, e offre una ventina di monotiri ben spittati, su ottima roccia calcarea con prevalenza di gradi tra il 6a ed il 7c.
L’ambientazione è molto suggestiva: si trova sulle falde del Monte Tancia tra boschi rigogliosi e limpidi torrenti. Alla base della falesia c’è un bel prato con una parte sotto il bosco con panchine comode per mangiare. In alto sulla destra delle pareti si vede la Grotta di San Michele Arcangelo, alla quale si arriva mediante una comoda scalinata.

Questa grotta, che in tempi precristiani era un antico luogo di culto di una divinità pagana locale, fu dedicata a San Michele da San Silvestro in seguito a una visione.

Le vie della falesia sui sesti gradi francesi sono molto belle, lunghe, di ottima roccia e di continuità tecnica, vivamente consigliate a tutti gli arrampicatori di livello intermedio. Anche i settimi sotto il grande tetto di sinistra sono interessanti per chi ha il livello adeguato.

Oltre alle foto di questo articolo segnaliamo il breve video introduttivo alla falesia realizzato da Giuseppe Caggese e Stefano Cimei.

Accesso: Giungere a Poggio Catino; da qui proseguire sulla strada principale, in direzione di Monte San Giovanni in Sabina (SP 47) – che sale attraversando inizialmente una zona residenziale. Dopo circa 6 km, subito dopo aver passato uno stretto ponte su un fiume (ci passa una sola macchina!) parcheggiare in un piccolo slargo sulla sinistra (c’è un cartello di legno che indica vari luoghi, tra cui l’Eremo di San Michele), facendo attenzione a non ostruire il passaggio di un sentiero carrabile per mezzi agricoli. Imboccare l’evidente sentiero, fino alla grotta di San Michele, dove c’è la falesia (15 minuti a piedi).

Commenti degli utenti

Per inserire un commento devi registrarti sul sito.